L’esoterismo di Edgar Allan Poe

Giuseppe Badalucco - Atlante Segreto - Edicolaweb

Esoterismo e cosmologia in:  “Una discesa nel Maelstrom”, “Manoscritto trovato in una bottiglia” e “Le avventure di Gordon Pym”.

Tra tutti gli scrittori appartenenti all’epoca moderna nessuno più di Edgar Allan Poe ha affascinato e attratto milioni di lettori, scrittori e appassionati in genere del gotico, del mistero e della fantascienza. Su di lui sono stati scritti fiumi d’inchiostro, in cui la critica letteraria si è spesso spaccata tra chi l’ha osannato come una delle massime espressioni della letteratura gotica e chi invece lo ha stroncato o comunque ridimensionato come mente creativa. Leggi tutto “L’esoterismo di Edgar Allan Poe”

Delos, viaggio nell’enigma pelasgico

Eterodossia ed eterodossi come Archeomisterica - here are the wolves

Delos, l’isola di luce

Per giungere a Delos, sempre che non si possieda un’imbarcazione, si salpa da Mikonos. Quasi una contraddizione: dall’isola viveur – la movida delle Cicladi – si raggiunge uno dei siti archeologici Patrimonio dell’Umanità, peraltro con divieto di pernotto poiché il governo greco ha mantenuto la tradizione di sacralità dell’isola.

Delos
Approdo a Delos e panorama

Leggi tutto “Delos, viaggio nell’enigma pelasgico”

La struttura dell’inferno dantesco e la precessione

Giuseppe Badalucco - Atlante Segreto - Edicolaweb

PREMESSA

La struttura dell’inferno dantesco è un articolo che fu pubblicato inizialmente nel maggio del 2003 su www.edicolaweb.net con cui io e Pier Giorgio Lepori abbiamo collaborato per diversi anni. Viene ora pubblicato sulle pagine di Eterodossia punto Com, poiché rappresenta l’inizio di un percorso di ricerca che richiederà anni di lavoro.

Dante Alighieri, tratto dall’Inferno. Traduzione del Prof. Antonio Catellacci, 1819

Leggi tutto “La struttura dell’inferno dantesco e la precessione”

L’Epoca d’Oro degli Dei: il volto della Sfinge

Monica Benedetti

Era l’inizio dell’Epoca d’Oro degli Dei, in cui l’Osiride benefattore posava le sue impronte immortali tra le sabbie del tempo. A ricordare quell’Epoca, col sole che sorge ad Est ed illumina una nuova primavera si staglia, tuttora magnifica e potente, la Sfinge. Il maestoso colosso, avente all’attualità corpo leonino e testa umana, fu liberata dalle sabbie che la ricoprivano fino alle spalle nel 1886, da Maspero, dopo che altri prima di lui avevano iniziato il lungo lavoro di riesumazione. Leggi tutto “L’Epoca d’Oro degli Dei: il volto della Sfinge”

Pillola… Le soluzioni tecnologiche

Il badge di Paolo Navone

Le soluzioni tecnologiche. Una riflessione.

Gli antropologi hanno studiato e confrontato gruppi di individui diversi e residenti in aree distanti tra loro, evidenziando che le soluzioni tecnologiche utilizzate:

Leggi tutto “Pillola… Le soluzioni tecnologiche”

Piramidi di Giza: scrigni, non tombe

Monica Benedetti

Scrigni di luce, non oscure tombe

Le Piramidi di Giza, è una consapevolezza, non erano affatto le tombe dei faraoni Khufu, Kafre e Menkaure – o Cheope, Chefren e Micerino che dir si voglia e chiunque abbia iniziato un percorso di conoscenza è affatto passato, casualmente o per volontà, attraverso i misteri dell’Egitto predinastico.

Le Piramidi di Giza
La piana di al-Jizah con il Trittico ben in mostra

Leggi tutto “Piramidi di Giza: scrigni, non tombe”

Il Libro di Ezechiele: visionario o cronista?

Il badge di Paolo Navone

Introduzione a Il Libro di Ezechiele

La Bibbia, una raccolta di testi antichi, riconosciuti come sacri, nei quali vari autori descrivono i fatti secondo illuminazioni direttamente ispirate da Dio ovvero “figura” che, secondo la teologia, è: amore supremo, dispensatore di gioie, protettore delle genti e creatore di ogni cosa.

Ma è proprio così? Leggi tutto “Il Libro di Ezechiele: visionario o cronista?”

Luci e ombre nel pozzo di Osiride

Loris Bagnara

Introduzione al pozzo di Osiride

Nel maggio 1998, durante una conferenza organizzata dal giornalista americano Art Bell, Zahi Hawass annuncia una nuova esaltante scoperta a Giza, fornendo in successive occasioni (conferenze, interviste) sempre più dettagli sul cosiddetto pozzo di Osiride,  a cui ho fatto cenno in conclusione dell’articolo L’altra Europa (parte seconda).

Non si trattò di una scoperta. Il sito, in effetti, era noto almeno dagli anni 1934-‘35, quando fu quasi completamente esplorato dal grande archeologo egiziano Selim Hassan. Hawass, tuttavia, non ne fa menzione. Oltre a ciò, troviamo un riferimento inequivocabile al pozzo di Osiride in alcuni documenti risalenti agli anni 1950, documenti di cui si è parlato nei precedenti articoli dedicati al libro L’altra Europa scritto da Paolo Rumor, da Giorgio Galli e dal sottoscritto.

I documenti di Rumor descrivono un ambiente sotterraneo, nel sottosuolo di Giza, dalla conformazione molto simile a quella del livello più profondo del pozzo di Osiride; inoltre, a tale ambiente è riferita una particolare designazione che acquista significato solo alla luce di un dettaglio che non poteva essere noto quando quei documenti furono consegnati nelle mani di Giacomo Rumor (vedi articolo L’altra Europa – Quale unificazione?). Insomma, ce n’è abbastanza per dubitare che le cose siano andate proprio esattamente come ci è stato ufficialmente rivelato.

Leggi tutto “Luci e ombre nel pozzo di Osiride”

L’ALTRA EUROPA (parte seconda)

Loris Bagnara

L’Altra Europa – Retaggio di una civiltà Perduta

Riprendiamo l’esposizione della materia di carattere mitico-leggendaria contenuta nel libro L’altra Europa (Panda Edizioni, 2017).

La Struttura avrebbe incaricato numerosi e diversi specialisti allo scopo di studiare il rotoli di Nusaybin e le tavolette di Giza: Alexander Thom, come si è detto nella prima parte dell’articolo, sarebbe stato uno dei “consulenti” interpellati per la traduzione e l’interpretazione dei testi; altri sarebbero stati incaricati di comprendere e descrivere in termini scientifici i fenomeni geofisici a cui tali testi, aldilà del linguaggio figurato, si riferivano come a fatti reali. Leggi tutto “L’ALTRA EUROPA (parte seconda)”

Rennes-le-Château e il vento dell’Aude

Tiziana Pompili

Un racconto su Rennes-le-Château

(Tiziana Pompili Casanova – Racconto terzo classificato al concorso La Plume doc 2007, pubblicato sulla rivista Indagini su Rennes-le-Château numero 18)

 

Rennes-le-Château
Rennes-le-Château, la Torre di Magdala

Il prologo

Riconobbe il sibilo del vento e un soffio freddo, ma leggero come una carezza, la spinse ad aprire gli occhi. La prima cosa che mise a fuoco fu la punta delle proprie scarpe. Stupita, si stropicciò gli occhi con la vana speranza di poter spaziare nell’orizzonte che il buio limitava a pochi metri intorno a lei. Leggi tutto “Rennes-le-Château e il vento dell’Aude”