STATISTICA BAYESIANA ED EXTRATERRESTRI

Il badge di Paolo Navone

In uno dei miei primi articoli pubblicati su Eterodossia, avevo presentato l’Equazione di Green Bank, un algoritmo elaborato dallo scienziato Frank Drake nel 1961, atto a definire in modo matematico il possibile numero di comunità extraterrestri, presenti nella nostra Galassia, ed in grado di comunicare 

Oggi abbiamo molte più informazioni a riguardo delle caratteristiche planetarie necessarie per permettere lo sviluppo biologico della vita (attenzione non necessariamente quella umanoide).

Inoltre l’alta quantità di Esopianeti “osservabili” o presunti, ha nuovamente appassionato l’interesse per la vita extraterrestre.

Gli ultimi pianeti rintracciati sono a circa 40 anni luce dalla Terra e praticamente dietro l’angolo se prendiamo in considerazione le dimensioni della nostra Galassia.

Non arriva a caso, quindi, uno studio condotto da David Kipping, scienziato del dipartimento di astronomia della prestigiosa Columbia University.

Il lavoro dell’astronomo, pubblicato su Proceeding of the National Academy of Sciences, è molto articolato e si basa sulla Inferenza Bayesiana.

L’Inferenza Bayesiana è un metodo di analisi statistica che viene applicata per ipotizzare quale sia la possibilità di una vita extraterrestre di evolversi e diventare complessa come sulla Terra.

Ma prima di andare avanti cerchiamo di capire cosa sia l’Inferenza.

INFERENZA STATISTICA

Con Inferenza Statistica o Statistica Inferenziale, si definisce il procedimento di studio delle caratteristiche di una popolazione utilizzandone una parte “a campione”.

Il suddetto “campione” è organizzato secondo una scelta dei componenti per mezzo di un sistema casuale di selezione.

Il “campione” viene poi studiato applicando algoritmi matematici atti a valutare il processo di apprendimento tramite l’esperienza.

Il metodo coinvolge il calcolo probabilistico, anche se la casualità iniziale tende ad evolversi grazie alla “esperienza” lentamente acquisita dal campione nel tempo.

Per lo studio attuale, si applica l’approccio di Bayers, o Teorema della Probabilità delle Cause, sviluppato verso la metà del 1700 dal reverendo Thomas Bayers.

Egli aveva accorpato due teoremi della matematica statistica: il teorema della probabilità composta e il teorema della probabilità assoluta.

Per l’Inferenza statistica Bayesana la probabilità di un’ipotesi si aggiorna quando sono presenti prove o informazioni, ovvero con l’aumentare della disponibilità di questi dati, il grado di fiducia nell’ipotesi cambia. 

Sappiamo dai reperti geologici che la vita sulla Terra è iniziata relativamente rapidamente, non appena l’ambiente è stato abbastanza stabile da sostenerlo; ma sappiamo anche che quel primo organismo multicellulare ha impiegato molto più tempo per evolversi: circa 4 miliardi di anni.

L’IPOTESI

Kipping ha sviluppato l’ipotesi della probabilità della vita e dell’intelligenza con quattro possibili risposte:

  • la vita è comune e spesso sviluppa intelligenza,
  • la vita è rara ma spesso sviluppa intelligenza,
  • la vita è comune e raramente sviluppa intelligenza,
  • la vita è rara e raramente sviluppa intelligenza.

Applicando le formule matematiche Bayesiane lo scienziato è arrivato alla conclusione che lo scenario di vita comune è almeno 9 volte più probabile di quello raro.

Questo è deducibile perché la vita sulla Terra è emersa 300 milioni di anni dopo la formazione degli oceani, quindi relativamente rapidamente.

Kipping ne conclude che se un pianeta ha condizione simili a quelle della Terra non dovrebbero esserci problemi alla creazione spontanea della vita.

Altra faccenda, invece, per quanto riguarda l’ipotesi che queste vite extraterrestri possano essere complesse o intelligenti, dove le probabilità sarebbero 3:2 a favore della vita intelligente, ovvero poco più del 50%, questo perché l’Umanità è comparsa relativamente tardi rispetto alla finestra abitativa della Terra e quindi il suo sviluppo non è stato un processo facile, né c’è una garanzia per la sua ripetizione.

Si tratta, ovviamente, di analisi che si basano sull’unico modello che abbiamo: la Terra.

Questa analisi non ci fornisce alcuna certezza, ma ci rende certamente positivi sulla presenza della vita al di fuori del nostro Pianeta.

Il Rasoio di Ockham

Il badge di Paolo Navone

La metodologia del Rasoio di Ockham

Scrive Fabrizio Amerini circa Il Rasoio di Ockham espresso nel XIV secolo:

Guglielmo di Ockham sviluppa la propria filosofia applicando ciò che è noto come ‘rasoio di Ockham’ o principio di economia.
Tale principio metodologico induce a privilegiare, tra le spiegazioni di un dato fenomeno, quella che ricorre a un numero minore di ipotesi esplicative o che introduce un numero minore di entità al fine di verificare i propri enunciati.
L’applicazione di questo principio conduce Ockham a semplificare drasticamente le teorie ontologiche ed epistemologiche tradizionali: tali semplificazioni costituiscono il terreno su cui s’innesta l’elaborazione logica del filosofo.

Il significato del Rasoio

L’elaborato è ritenuto alla base del pensiero scientifico moderno , nella sua forma più immediata suggerisce l’inutilità di formulare più ipotesi di quelle che siano strettamente necessarie per spiegare un dato fenomeno laddove quelle iniziali siano sufficienti.

Guglielmo di Ockham
Guglielmo di Ockham

Il Time Management

Misterioso oggetto STEREO

Time Management, la gestione del Tempo: un’arma strategica di distrazione di massa

(I Quaderni di Marketing Eterodosso)

E’ possibile il Time Management? Proseguo con una ulteriore domanda: che cos’è il Tempo? Nella definizione fisica classica, si tratta della:

  • misura di un intervallo tra due punti nello spazio in relazione con la velocità.

La distanza tra due punti A e B è direttamente proporzionale alla velocità tramite cui viene coperta: la misura di questo fenomeno è definita ‘Tempo’. Pertanto, in base alla velocità con cui percorro lo spazio contenuto tra A e B, impiego ‘+ o – Tempo’.

Tutto corretto. Leggi tutto “Il Time Management”

Computer Biologico – Il cervello letto tecnologicamente

Il badge di Paolo Navone

Il cervello umano: unità centrale di interfaccia

Guardando all’essere umano come un “sistema dinamico” ci si accoge che spesso reagisce secondo soluzioni funzionali standard e persone diverse, quando sono sottoposte a stimoli uguali, tendono ad avere reazioni biomeccaniche e biologiche uguali grazie ad una summa di sensori e sottosistemi con caratteristiche che possiamo generalizzare come “standard” e che, come negli elaboratori veri e propri, si interfacciano con un’unità centrale chiamata Cervello: un vero e proprio computer biologico.
Leggi tutto “Computer Biologico – Il cervello letto tecnologicamente”

Il Metamito come insieme di Metadati

Misterioso oggetto STEREO

Alla scoperta dei Metadati

Che cos’è il Metamito? Semplice: l’insieme dei miti come Metadati. Chi ha visto il film documentario ‘A Good American’ dovrebbe già intuirne il significato. Attorno  ad un progetto informatico chiamato ‘Thinthread’, si dipana la storia di un sistema ad oggi (forse) ben concepito ma non certamente nel 1964 e fino a tutti gli Anni ’80:

  • un sistema in grado di sintetizzare la mole di dati caotici – derivante da miliardi di interazioni – attraverso la rappresentazione di detta mole in Metadati

Leggi tutto “Il Metamito come insieme di Metadati”

Pillola… Le soluzioni tecnologiche

Il badge di Paolo Navone

Le soluzioni tecnologiche. Una riflessione.

Gli antropologi hanno studiato e confrontato gruppi di individui diversi e residenti in aree distanti tra loro, evidenziando che le soluzioni tecnologiche utilizzate:

Leggi tutto “Pillola… Le soluzioni tecnologiche”

432 Hz – Il Rizoma dei numeri eterodossi

Misterioso oggetto STEREO

432 Hz: una frequenza alla base dell’Eterodossia

Quando lessi il libro di Santarcangeli ‘Il Libro dei Labirinti’ edito da Frassinelli, rimasi colpito dalla prefazione di Umberto Eco e in particolar modo il suo riferimento alle diverse tipologie di labirinti esistenti. Mi è rimasta in testa il Rizoma tra tutte e questo concetto si lega alla frequenza 432 Hz. Leggi tutto “432 Hz – Il Rizoma dei numeri eterodossi”

L’interpretazione della meccanica quantistica

Giuseppe Badalucco - Atlante Segreto - Edicolaweb

Negli anni ’20 del XX secolo l’interpretazione della meccanica quantistica determinò lo sviluppo di diverse teorie che furono esposte al pubblico e alla comunità scientifica, determinando un dibattito acceso cui contribuirono i grandi studiosi dell’epoca (Einstein, Heisenberg, Schrödinger, Bohr, de Broglie, Born e altri); tale dibattito riguardò soprattutto l’interpretazione più corretta delle risultanze teoriche e sperimentali della teoria quantistica. Da ciò ne derivò una serie di interpretazioni, anche alternative l’una all’altra, che continuarono ad essere approfondite dagli studiosi e che ancora oggi non hanno messo del tutto d’accordo la comunità scientifica su quella che possa essere una visione unitaria e completa della fisica quantistica, con diverse sfumature interpretative che rendono l’argomento ancora più interessante e degno di considerazione. Leggi tutto “L’interpretazione della meccanica quantistica”